Tabagismo passivo


Il rischio del tabagismo passivo è largamente sottostimato: tra i non fumatori solo il 15% ne conosce i pericoli.

Questo articolo vi permette di valutare…

  • Perché il fumo passivo è tossico ?
  • Quali sono i rischi del fumo passivo?
  • Come ci protegge la legge?
  • Qual è la posizione dell’industria del tabacco?

 

Perché il fumo passivo č tossico ?

Il fumo di sigaretta, di un sigaro o di una pipa contiene pił di 4000 sostanze chimiche : tra queste la nicotina, degli irritanti, dei prodotti tossici quali il monossido di carbonio, e pił di 60 cancerogeni. Secondo il Ministero della Sanitą il fumo da tabacco costituisce la fonte di maggiore inquinamento dell’aria domestica a causa della sua alta concentrazione di prodotti tossici ed anche la pił pericolosa perché ci si espone ad essa a tutte le etą e per pił tempo rispetto all’inquinamento atmosferico esterno.

 

Quali sono i rischi del fumo passivo?

Al di là del fastidio occasionale, il fumo passivo è un aggravante di patologie esistenti e ne crea delle nuove.
I rischi aumentano in misura proporzionale al tempo di esposizione: effetti negativi è possibile riscontrarli per
Il feto…
Nel caso in cui la donna incinta sia una fumatrice si può avere:

  • Un aumento del rischio di falsa gravidanza, di gravidanza extra-uterina e di parto prematuro.
  • Un ritardo nello sviluppo del feto
  • Piedi più piccoli alla nascita
  • Anche nel caso in cui la donna incinta non fumatrice sia esposta al fumo passivo dei suoi congiunti si hanno questi stessi effetti sul feto in una misura non meno importante.

 

Effetti sui Bambini…

 

  • Fumare in presenza di un bambino può comportargli:
  • Una irritazione agli occhi, al naso ed alla gola
  • Una frequenza maggiore alla rinofaringite ed all’otite
  • Un più alto rischio di crisi asmatiche e di infezioni respiratorie quali la polmonite e la bronchite
  • Una debole ma significativa diminuzione della capacità polmonare

 

Effetti sull’adulto…

 

  • Rischio cardiaco: aumenta del 25% per chi non ha mai fumato e vive con un fumatore
  • Cancro ai polmoni: il rischio di insorgenza di un cancro ai polmoni per un non-fumatore aumenta del 25% se un suo congiunto fuma.
  • rischio cerebrovascolare: il tabagismo passivo altera le pareti arteriose e duplica tale rischio.

 

Come ci protegge la legge?

L’ex ministro della Sanità, Veronesi nel marzo scorso redigeva una interessante Circolare 28.3.2001 n. 4. sull’interpretazione ed applicazione delle leggi vigenti in materia di divieto di fumo, essa contiene un’introduzione che mira a richiamare l’attenzione sui danni provocati dal fumo passivo.

<<Il fumo di sigaretta, com’è noto dai dati riportati dalla letteratura scientifica mondiale, è causa di una molteplicità di patologie. Il tumore polmonare, ad esempio, in circa il 90% dei casi, è causato dal fumo di sigaretta. L’Organizzazione mondiale di sanità ha più volte richiamato l’attenzione dei Governi su quella che è stata definita „nuova epidemia” (90 mila morti in Italia ogni anno, 3 milioni nel mondo)…>>

Nel nostro paese la legge n. 584 dell’11 novembre 1975 „Divieto di fumare in determinati locali e su mezzi di trasporto pubblico” istituisce il diritto dei non-fumatori a salvaguardare la propria salute. Sono sottomessi alle stesse ordinanze sia i luoghi pubblici che i luoghi privati. La legge obbliga a distinguere chiaramente le zone fumatori da quelle non-fumatori e le zone fumatori devono essere adeguatamente ventilate si da non invadere con il fumo le zone non-fumatori, non è obbligatorio avere delle zone fumatori, anzi in molte strutture pubbliche è fatto divieto assoluto di fumare.
Il fumatore colto in fragrante nei locali proibiti riceverà una multa che va da un minimo di 12.000 lire ad un massimo di 120.000, contro la sanzione si potrà fare ricorso all’autorità competente.

 

Qual’è la posizione per l’industria del tabacco ?

Per l’industria del tabacco, il fumo passivo e i danni che esso comporta ai non-fumatori costituiscono una perdita di fatturato. Uno studio realizzato nel 1978 conclude: 

<<Il male che il fumatore fa a se stesso è una sua scelta ma il torto che procura ai non-fumatori è un’altra storia…
Noi consideriamo ciò come la maggiore minaccia all’esistenza dell’industria del tabacco>>

Da allora leggiamo le scritte sui pacchetti di sigarette che mettono in guardia sui pericoli del fumo.

Rate this post